Maggio 2022 - Studio Montanaro


Da ieri 16/05/2022 è possibile presentare domanda di ammissione al “Bonus Export Digitale” un nuovo contributo finalizzato a sviluppare l’attività di esportazione e di internazionalizzazione delle microimprese manifatturiere attraverso la creazione di soluzioni digitali. 


SOGGETTI BENEFICIARI

Possono richiedere il contributo le microimprese manifatturiere, le reti e i consorzi composti da almeno cinque microimprese.


REQUISITI OGGETTIVI

Le microimprese richiedenti, anche aderenti alle reti o ai consorzi, devono risultare in possesso dei seguenti requisiti:
- meno di 10 dipendenti;
- fatturato annuo o totale di bilancio non superiore a € 2.000.000,00 (duemilioni/00);
- avere avviato, da almeno un anno, la fatturazione di prodotti commerciali;
- sede legale o sede operativa e stabilimento produttivo in Italia;
- codice ATECO primario appartenente alla categoria C;
- essere in stato di attività e iscritte al Registro delle Imprese;


SPESE AMMISSIBILI

Sono agevolabili gli investimenti in:
- realizzazione di sistemi di e-commerce verso l’estero, siti e/o app mobile;
- realizzazione di sistemi di e-commerce che prevedono l’automatizzazione delle operazioni di trasferimento, aggiornamento e gestione degli articoli da e verso il web;
- realizzazione di servizi accessori all’e-commerce;
- realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale dell’export digitale;
- digital marketing finalizzato a sviluppare attività di internazionalizzazione;
- servizi di CMS (Content Management System);
- iscrizione e/o abbonamento a piattaforme SaaS (Software as a Service) per la gestione della visibilità e spese di content marketing;
- servizi di consulenza per lo sviluppo di processi organizzativi e di capitale umano;
- upgrade delle dotazioni di hardware necessarie alla realizzazione dei servizi sopra elencati.


CONTRIBUTO CONCEDIBILE

Il contributo erogabile ammonta a:
- € 4.000,00 (quattromila/00) per le microimprese con investimento minimo richiesto di euro 5.000,00 (cinquemila/00);
- € 22.500,00 (ventiduemilacinquecento/00) per le reti soggetto e ai consorzi, con un investimento minimo richiesto di euro 25.000,00 (venticinquemila/00).

Pubblicato in Lettere Informative


Per l'anno 2022 alle imprese esercenti attività logistica e di trasporto delle merci in conto terzi che:
- hanno sede legale o stabile organizzazione in Italia,
- sono in possesso di mezzi di trasporto di ultima generazione Euro VI/D a bassissime emissioni inquinanti nonché, a seguito delle modifiche della legge di conversione, Euro VI/C, Euro VI/B, Euro VI/A ed Euro V.
viene riconosciuto un credito di imposta utilizzabile in compensazione  pari al 15 % del costo di acquisto, al netto dell'IVA, del componente “AdBlue”  necessario per la trazione dei predetti mezzi. 

Il credito di imposta:
- non costituisce reddito imponibile;
- non è sottoposto ai limiti di utilizzo previsti dall'articolo 1, comma 53, della legge n. 244 del 2007,  e dall'articolo 34 della legge n. 388 del 2000,
- non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del DPR n. 917 del 1986 , che rispettivamente riguardano la determinazione della deducibilità degli interessi passivi per i soggetti Irpef e delle spese generali, per tutti i soggetti che applicano le norme del Tuir per la determinazione del reddito d'impresa,
- è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi purché tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto, tenendo conto anche della non concorrenza al reddito e alla base imponibile IRAP.
Le disposizioni di cui sopra si applicano nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, ed è necessario un decreto attuativo.

(1) articolo 6 commi 3 e 4, Legge n. 34 del 27 aprile 2022, di conversione del decreto-legge n. 17 del 1° marzo 2022, Pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 28 aprile 2022, n. 98.

Pubblicato in Lettere Informative


Con la pubblicaazione sulla Gazzetta Ufficiale del 30 aprile, è da ieri in vigore il Decreto PNRR (D.L. 36/2022) che prevede importanti novità tra le quali:

Codice della crisi di impresa (art. 42) Differita al 15 luglio 2022 l'entrata in vigore del D.Lgs. 14/2019
Fattura elettronica per i forfettari (art. 18) Obbligatoria dal 01.01.2024.
Limitatamente ai soggetti che nell’anno precedente hanno conseguito ricavi o compensi, ragguagliati ad anno, superiori a € 25.000, l'obbligo entra in vigore dal 01.07.2022. Per approfondimenti clicca qui.
Sanzioni mancata accettazione di pagamenti elettronici (Art. 18) Dal 30 giugno 2022 entrano entrano in vigore le sanzioni a carico degli esercenti e dei  professionisti che non consentono ai propri clienti il pagamento tramite Pos. Per approfondimenti clicca qui.
Super sismabonus - obbligo invio dati all'Enea (art. 24)  resa obbligatoria, anche per gli interventi relativi al sismabonus, la comunicazione preventiva all'Enea. Per approfondimenti clicca qui.
 
 

 

Pubblicato in Lettere Informative

Lo Studio Montanaro opera su tutto il territorio nazionale nel settore della consulenza Tributaria, Societaria, Aziendale, Contabile e del Lavoro.

Forniamo servizi professionali qualificati alla piccole/medie aziende, ai grandi gruppi societari ed alle persone fisiche.

Area Privata Clienti

Contatti

Studio Montanaro
Via de Cuneo, 31
76125 Trani (BT)
0883 491900
0883 491001
0883 491900
0883 491001
lun, mer, gio: 9:00/12:30 16:00/19:30
mar, ven: 9:00/12:30
P.IVA 03113370724