Lettere Informative

16.06.2020 – scade il termine per il versamento dell’acconto “NUOVA IMU” 2020

16.06.2020 – scade il termine per il versamento dell’acconto “NUOVA IMU” 2020

Mag 29 2020

 

L’IMU deve essere versata in un'unica soluzione entro il 16 giugno oppure in due rate con scadenza il 16 Giugno (acconto) e il 16 Dicembre (saldo).

Ad oggi non sono previste proroghe relative alla scadenza dell’acconto IMU per via dell’emergenza epidemiologica dovuta al Coronavirus Covid-19.

Nel caso in cui il Comune ove l’immobile è ubicato non abbia deliberato le aliquote IMU entro la data di versamento dell’acconto dell’anno di riferimento si procede al calcolo dell’acconto con il metodo storico cioè sulla base del 50% del tributo relativo all’anno precedente.

Solo per il 2020 l'acconto dovrà essere uguale al 50% di quanto versato nel 2019 sia per IMU che per TASI. (*)

Il decreto Rilancio ha abolito il versamento della prima rata IMU in scadenza al 16 giugno 2020, a condizione che i possessori siano anche gestori delle attività, per:

- immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, termali;

- immobili rientranti nella categoria catastale D/2 (es. agriturismo, villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi, colonie marine e montane, affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed & breakfast).

(*) La Legge di Bilancio per l’anno di imposta 2020 ha abrogato, con decorrenza dal 1° gennaio 2020, la TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) accorpandola all’IMU (Imposta Municipale Unica) con l’intento di rendere più agevole il calcolo e il versamento di questa tipologia di tributi locali.

Ai fini del calcolo della nuova IMU è stato stabilito che le aliquote da prendere in considerazione siano uguali alla somma delle aliquote utilizzate lo scorso anno per IMU e TASI.

L'aliquota base IMU 2020 per le abitazioni principali di lusso è pari al 5,00 ‰ e resta salva la facoltà per il Comune di poterla aumentare fino al 6,00 ‰ o addirittura ridurla fino all'azzeramento.

L'aliquota base per le altre tipologie di immobili è pari all'8,60 ‰ (7,60 ‰ IMU 2019 + 1,00 ‰ TASI 2019), che il Comune può elevare fino al 11,40 ‰, oppure ridurre fino all'azzeramento (tranne il gruppo D dove l’aliquota minima è il 7,60 ‰).

Viene confermata l'esenzione per le abitazioni principali non di lusso (categorie catastali dalla A/2 alla A/7).

Sono state in gran parte riconfermate le tipologie di abitazioni assimilabili ad abitazione principale con una eccezione importante che riguarda i pensionati AIRE che dal 2020 non beneficiano più dell'esenzione per l'abitazione posseduta in Italia.

L'IMU è commisurata ai mesi di possesso dell’immobile e si considera per intero il mese durante il quale il possesso si è protratto per più della metà dei giorni di cui il mese è composto.

In caso di compravendita, il giorno di trasferimento del possesso è imputato all'acquirente; e in caso di parità di giorni di possesso con il venditore, all'acquirente è attribuito l'intero mese dell'acquisto.

Lo Studio Montanaro opera su tutto il territorio nazionale nel settore della consulenza Tributaria, Societaria, Aziendale, Contabile e del Lavoro.

Forniamo servizi professionali qualificati alla piccole/medie aziende, ai grandi gruppi societari ed alle persone fisiche.

Area Privata Clienti

Contatti

Studio Montanaro
Via de Cuneo, 31
76125 Trani (BT)
0883 491900
0883 491001
0883 491900
0883 491001
lun, mer, gio: 9:00/12:30 16:00/19:30
mar, ven: 9:00/12:30
P.IVA 03113370724