Lettere Informative

Luglio 2023 - Studio Montanaro

 casse di previdenza professionisti

 

 Tutti i liberi professionisti iscritti in albi o ordini professionali devono comunicare annualmente alla cassa di previdenza di appartenenza il proprio reddito professionale e il volume di affari.

 

scadenza
comunicazione
dati

Architetti Inarcassa senzaCassa nazionale di previdenza e assistenza ingegneri e architetti liberi professionisti 31
ottobre
Attuari EpapEnte Pluricategoriale  di previdenza e assistenza degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dottori forestali e dei geologi 31
luglio
Avvocati

Cassa Forense senzaCassa nazionale di previdenza e assistenza forense

30
settembre
Biologi  EnpabEnte nazionale di previdenza e assistenza a favore dei biologi  dal 14 settembre
Chimici EpapEnte Pluricategoriale  di previdenza e assistenza degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dottori forestali e dei geologi 31
luglio
Consulenti del Lavoro   Epacl ENPACL 30
settembre

Dottori Commercialisti

Cassa dottori commercialistiCassa nazionale di previdenza e assistenza dei dottori commercialisti

01
dicembre
Fisici EpapEnte Pluricategoriale  di previdenza e assistenza degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dottori forestali e dei geologi 31
luglio
Geologi EpapEnte Pluricategoriale  di previdenza e assistenza degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dottori forestali e dei geologi
31
luglio
Geometri Cassa geometri cassa italiana di previdenza e assistenza geometri liberi professionisti 02
ottobre
Giornalisti  Inpgi istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani - gestione separata 30
settembre
Infermieri

EnpapiEnte nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica

 10 settembre
Ingegneri Inarcassa senzaCassa nazionale di previdenza e assistenza ingegneri e architetti liberi professionisti 31
ottobre
Medici e odontoiatri enpam senzaEnte nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri  31
luglio
Periti industriali Eppi senza Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati 30
settembre
Psicologi

EnpapEnte nazionale di previdenza e assistenza per gli psicologi

01
ottobre
Ragionieri e Periti Commerciali Cassa ragionieri senzaAssociazione cassa nazionale di previdenza e assistenza dei ragionieri e periti commerciali  31
luglio
 Veterinari Cassa veterinari senzaEnte nazionale di previdenza e assistenza dei veterinari  30
novembre

 

Pubblicato in Lettere Informative
Martedì, 25 Luglio 2023 14:35

Chiusura per ferie

 

 

ferie 2023 02

Pubblicato in Lettere Informative
Venerdì, 21 Luglio 2023 12:06

SIMEST - Incentivi per Fiere ed Eventi


A partire dalle ore 9:00 del 27 luglio 2023, sarà possibile presentare domande per accedere al nuovo bando SIMEST per sostenere la partecipazione a un singolo evento di carattere internazionale, anche virtuale tra:
- fiera,
- mostra,
- missione imprenditoriale e missione di sistema,
per promuovere l’attività d’impresa sui mercati esteri o in Italia. 

Soggetti beneficiari

Possono partecipare al bando PMI o Mid Cap con sede legale in Italia che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio completo (12 mesi).


Tipologia di interventi ammissibili

Sono agevolabili: 
Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra (che dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate): 
- fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar);
- spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
- spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su piattaforme già esistenti; 
- spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media manager, digital maketing manager);
- spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale della fiera/mostra, newsletter, social network);
- servizi di traduzione ed interpretariato online;
Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili finanziate: 
a) Spese per area espositiva:
- Affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);
- arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine espositive, cubi espositivi, porta brochure);
- attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e supporti informatici, videocamere); 
- servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese elettriche per il funzionamento dei macchinari qualora presenti nello stand);
- utenze varie; o servizio di pulizia dello stand; 
- costi di assicurazione;
- compensi riconosciuti al personale incaricato dall'impresa (sia esterno che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra (compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento del luogo della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa, come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali ulteriori compensi al personale incaricato dall'impresa (sia esterno che interno) sono riconosciuti nella misura massima del 10% dell’importo del finanziamento concesso;
- servizi di traduzione ed interpretariato offline. 
b) Spese logistiche:
-  Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il trasporto di campionario;
- movimentazione dei macchinari/prodotti. 
c) Spese promozionali:
- Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C; 
- spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es. pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata, omaggistica);
- realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e limitrofi al centro fieristico). 
- spese di certificazione dei prodotti.
d) Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra:
- Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi fotografici/video). 
N.B. Nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali, il vincolo del 30% minimo di cui sopra non si applica. 

Entità e forma dell'agevolazione
L’importo massimo dell’Intervento che l’Impresa richiedente può chiedere è pari al minore tra € 150.000,00, e il 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato dall’Impresa Richiedente.
L’agevolazione viene concessa sotto forma Finanziamento a tasso agevolato di durata 4 anni a decorrere dalla data di Stipula del Contratto:

Rimborso:

In 3 anni oltre 1 anno di preammortamento 
Il rate semestrali posticipate a capitale costante di una parte della somma erogata da simest .
Le imprese hanno infatti diritto a una quota a fondo perduto pari al  25% dell’Importo massimo dell’Intervento che raggiunge il 40% se ha almeno una sede operativa attiva da non meno di 6 mesi rispetto alla data di presentazione della Domanda, in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;  

 

Pubblicato in Lettere Informative

 simest 2023

A partire dalle ore 9:00 del 27 luglio 2023, sarà possibile presentare domande per partecipare alla riapertura del bando Simest a sostegno dello sviluppo del commercio elettronico sui mercati esteri e finalizzato alla distribuzione di beni e/o servizi dell’Impresa prodotti in Italia o con marchio italiano, attraverso:
la creazione di una nuova Piattaforma propria;
- il miglioramento o lo sviluppo di una Piattaforma propria già esistente;
- l’accesso a una piattaforma di terzi con la creazione di un proprio spazio/store (market place).

 

Soggetti beneficiari

L'impresa richiedente deve avere sede legale e operativa in Italia, deve essere costituita sotto forma di società di capitali e, alla data di presentazione della domanda, deve avere depositato presso il Registro imprese almeno due Bilanci relativi a due Esercizi completi.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ritenute spese ammissibili e finanziabili:
1 - Creazione e sviluppo di una Piattaforma propria oppure dell’utilizzo di un market place:
-  creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma;
componenti hardware e software;
estensioni componenti software per ampliare le funzionalità (es. software per la gestione degli ordini, circuiti di pagamento, servizi cloud, integrazioni con ERP, CRM, AI e realtà aumentata);
creazione e configurazione app;
-  spese di avvio dell’utilizzo di un market place.
2 -  Investimenti per la Piattaforma propria oppure per il market place:
-  spese di hosting del dominio della piattaforma;
-  fee per utilizzo della piattaforma oppure di un market place;
-  spese per investimenti in sicurezza dei dati e della piattaforma;
-  aggiunta di contenuti e soluzioni grafiche;
-  spese per lo sviluppo del monitoraggio accessi alla piattaforma;
-  spese per lo sviluppo di analisi e tracciamento dati di navigazione;
-  consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma o registrazione, omologazione e tutela del marchio;
-  spese per certificazioni internazionali di prodotto.
3 - Spese promozionali e formazione relative al progetto:
-  spese per l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place o spese per web marketing;
-  spese per comunicazione;
-  formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma.

 

Entità e forma dell'agevolazione

L'impresa può richiedere un intervento per:
- Piattaforma propria /miglioramento: il minore tra euro 300 mila e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del Richiedente;
- Piattaforma di terzi: il minore tra euro 200 mila e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del Richiedente;
- Importo minimo pari a euro 10 mila.
L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà̀ in ogni caso essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.
La durata complessiva del finanziamento (a tasso agevolato) è di 4 anni di cui 1 anno di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata, relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e interessi durante il periodo di rimborso.
Il Richiedente può chiedere una quota a fondo perduto sulla richiesta di finanziamento:
- fino al 40% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente ha almeno una sede operativa (costituita da almeno 6 mesi) in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;
- fino al 25% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente non ha almeno una sede operativa in una delle Regioni di cui al punto precedente.
Il Richiedente può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie per la parte finanziata mentre la quota di co-finanziamento a fondo perduto non è soggetta a garanzie.


Erogazione del finanziamento

Il finanziamento è erogato in due tranche, sul conto corrente dedicato del Richiedente:
- 1° tranche: pari al 50% del finanziamento, a titolo di anticipo sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive;
- 2° tranche: restante 50% nel limite delle spese riconosciute, sarà effettuata dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le Spese ammissibili.

Pubblicato in Lettere Informative

 iNNOAID

La Regione Puglia ha da poco riaperto il Bando Innoaid con l’obiettivo di incrementare e supportare la domanda di innovazione da parte delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l’acquisizione di servizi tecnologici qualificati per favorire l’implementazione di processi virtuosi e non occasionali.

Il bando intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento in innovazione mediante supporto all’acquisizione di servizi avanzati e qualificati da parte delle imprese pugliesi perseguendo i seguenti obiettivi:

  • incrementare e supportare la domanda di innovazione da parte delle imprese attraverso l’acquisizione di servizi qualificati per l’implementazione di processi virtuosi e non occasionali, misurabile non solo a livello locale ma anche internazionale;
  • contribuire alla razionalizzazione e alla qualificazione dell’offerta dei servizi lungo tutto il ciclo di vita dell’innovazione;
  • consentire alle imprese, attraverso i servizi, di creare, assorbire e condurre sul mercato conoscenza e in particolare di accedere a conoscenze e tecnologie disponibili, anche fuori regione;
  • di sviluppare nuovi prodotti, servizi processi e soluzioni;
  • di acquisire idee, brevetti conoscenze;
  • di attivare processi di innovazione attraverso la creatività, il design;
  • di integrare le competenze necessarie in base ai fabbisogni di innovazione (tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale).

Soggetti beneficiari
I soggetti beneficiari sono le Micro Piccole e Medie Imprese (MPMI) in forma singola o associata, in Consorzio, ATI, Reti di imprese con personalità giuridica (Reti- soggetto) o Reti senza personalità giuridica (Reti-contratto);
I Consorzi, le Reti – Soggetto, sono ammissibili solo se costituite da almeno tre MPMI in possesso dei requisiti previsti dal bando.
Le Reti-Contratto, le ATI - sono ammissibili solo se costituite da almeno tre MPMI in possesso dei requisiti previsti dal bando.
Ciascuna MPMI candidata al beneficio deve esercitare un’attività economica, rientrante fra quelle identificate dai codici ISTAT ATECO 2007 (vedasi allegato); Un’impresa che svolge più tipologie di attività (con il contemporaneo esercizio di attività ammissibili e inammissibili) non può accedere alle agevolazioni di cui al presente Avviso se l’attività prevalente ha codice ATECO inammissibile.
In caso di Consorzio, Società Consortile, Rete – Soggetto, oltre al codice ATECO di questi ultimi, sono richiesti anche i codici ATECO di attività economica identificata come prevalente delle singole imprese consorziate/aderenti alla rete che partecipano alla realizzazione del progetto.

Tipologia di interventi ammissibili
Il bando intende sostenere lo sviluppo ed il rafforzamento tecnologico delle MPMI pugliesi attraverso l’acquisizione dei seguenti Servizi di consulenza in materia di innovazione, l’acquisizione di Servizi di consulenza e supporto all’innovazione e l’acquisizione di Servizi di consulenza legati all’energia e alla sua gestione.
A. I servizi di consulenza in materia di innovazione sono:
- Servizi di consulenza per l’innovazione guidata dal design;
- Servizi di consulenza per l’innovazione di prodotto/servizio;
- Studi di fattibilità;
B. I servizi di consulenza e supporto all’innovazione:
- Servizi tecnologici di sperimentazione;
- Servizi di supporto alla gestione della proprietà intellettuale e alla certificazione di prodotto;
C. I servizi di consulenza legati all’energia e alla sua gestione:
- consulenza per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia ISO 50001
- Servizi di supporto alla realizzazione di audit e diagnosi energetica.
Sono ammissibili le spese, sostenute dai soggetti beneficiari dell’aiuto, strettamente connesse agli investimenti agevolati, e così classificate:
- Acquisizione di servizi di consulenza su specifiche problematiche direttamente afferenti al progetto di investimento presentato;
- I costi per l’ottenimento, la convalida e la difesa dei brevetti, degli altri diritti di proprietà industriale e intellettuale e altri attivi immateriali;
- I costi per l’acquisizione di servizi di consulenza e di sostegno dell’innovazione.

Entità e forma dell'agevolazione
La Dotazione finanziaria complessiva è pari ad € 4.000.000,00.
Le agevolazioni sono concesse sotto forma di sovvenzioni dirette. Le agevolazioni sono concesse nella misura del 45% della spesa complessiva ritenuta congrua, pertinente e valutata ammissibile per tuti i soggetti ammissibili e finanziabili.
Il costo massimo per singolo progetto candidato è di € 520.000,00.

Presentazione domanda
A partire dalle ore 12:00 del 22/06/2023.
Le agevolazioni saranno concesse sulla base di una procedura valutativa a sportello fino al totale utilizzo delle risorse disponibili (Fino ad esaurimento fondi).

ved. ALLEGATO - Codici Ateco (INNOAID - RIAPERTURA)  

Pubblicato in Lettere Informative

Lo Studio Montanaro opera su tutto il territorio nazionale nel settore della consulenza Tributaria, Societaria, Aziendale, Contabile e del Lavoro.

Forniamo servizi professionali qualificati alla piccole/medie aziende, ai grandi gruppi societari ed alle persone fisiche.

Area Privata Clienti

Contatti

Studio Montanaro
Via Prof. Francesco Milano, 1
76125 Trani (BT)
0883 491900
0883 491001
0883 491900
0883 491001
lun, mer, gio: 9:00/12:30 16:00/19:30
mar, ven: 9:00/12:30
P.IVA 07645650727