Giugno 2020 - Studio Montanaro

 

Così come previsto dalla legge di stabilità 2020, dal 01.07.2020 i pagamenti in contanti saranno consentiti sino all’importo di € 1.999.99 mentre dal 01.01.2022 il limite verrà ulteriormente ridotto a € 999.99.

I trasferimenti di denaro eccedenti i predetti importi dovranno essere effettuati esclusivamente tramite gli intermediari abilitati (banche, Poste, ecc.).

Il frazionamento in più importi inferiori al limite è ammesso solo nel caso in cui lo stesso sia previsto dalla prassi commerciale o da accordi contrattuali.

Non è comunque previsto alcun limite ai prelievi in contanti presso le banche e gli uffici postali mentre resta di € 1.000,00 l’importo a partire dal quale assegni bancari e postali, assegni circolari e vaglia postali e cambiari devono recare l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola “non trasferibile”.

 

Ved.

  • precedenti limiti
  • sanzioni

 autori: Giovanni e Felice Montanaro

Pubblicato in Lettere Informative

 

 

Dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, i nuclei familiari con ISEE inferiore a € 40.000 possono beneficiare del “bonus vacanze” per pagare i servizi offerti da imprese turistico ricettive, agriturismi e bed & breakfast abilitati a livello nazionale e regionale per l’esercizio dell’attività̀ turistico ricettiva aventi sede nel territorio nazionale (art. 176 Decreto Rilancio)

Beneficiari

nuclei familiari con ISEE inferiore a € 40.000

Beneficio

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone

  • 300 euro da due persone

  • 150 euro da una persona

Modalità di richiesta

Esclusivamente digitale.

Sarà quindi necessario che la persona fisica abbia un’identità digitale SPID  o una carta di identità elettronica-CIE 3.0. Per ottenere Il bonus vacanze il richiedente deve essere in possesso dell’identità digitale (SPID o CIE) e aver installato ed effettuato l’accesso all’applicazione per smartphone denominata IO, l’app dei servizi pubblici utile per presentare la richiesta.

Utilizzo

bonus è utilizzabile una sola volta da un solo componente del nucleo familiare anche diverso da chi ha effettuato la richiesta.

Modalità di erogazione

Il beneficio viene erogato per l’80% sotto forma di sconto sull’importo dovuto al fornitore italiano del servizio turistico (che preventivamente deve comunicare l’intenzione di accettare questa forma di voucher) e, per il restante 20%, sotto forma di detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2020, che verrà̀ presentata l’anno prossimo.

La struttura turistica, successivamente, recupererà i voucher incassati sotto forma di credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante modello F24, con facoltà di successive cessioni a terzi, anche diversi dai propri fornitori di beni e servizi, nonché a istituti di credito o intermediari finanziari.

Pubblicato in Lettere Informative

 

La Regione Puglia ha introdotto nuovi adempimenti a carico di coloro che promuovono o commercializzano le attività delle strutture ricettive extra alberghiere e dei locatoriCIS - Codice Identificativo di Struttura per strutture ricettive extra alberghiere e locazioni turistichecostituito da 19 caratteri alfanumerici. 

 

Soggetti obbligati

  • i villaggi turistici, i campeggi, le mini-aree di sosta, gli ostelli della gioventù, le residenze turistiche o residence, la case e appartamenti per vacanza, le case per ferie, gli esercizi di affittacamere (artt. 14, 23, 39, 41 e 43 della L.R. 11/1999);

  • le attività agrituristiche con ricettività (L.R. 42/2013);

  • le attività ricettive di Bed and Breakfast, sia a conduzione familiare sia in forma imprenditoriale (L.R. 27/2013);

  • agenzie di intermediazione immobiliare e i portali telematici che pubblicizzano, promuovono o commercializzano le attività delle strutture ricettive extra alberghiere e dei locatori.

Entrata in vigore

01.07.2020

Modalità di richiesta

Per le locazioni turistiche, per ottenere il CIS il locatore deve registrarsi, attraverso le credenziali SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale, sul portale www.dms.puglia.it ed inserire i propri dati e quelli relativi all’immobile concesso in locazione per finalità turistiche. Per le strutture ricettive extra alberghiere, già iscritte al DMS prima del 4 marzo 2020, il sistema ha provveduto automaticamente ad attribuire il CIS.

Sanzione omesso adempimento

  • strutture ricettive non alberghiere: pecuniaria da € 500,00 a € 3.000,00

  • oggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare: pecuniaria da € 250,00 a € 1.500,00

Per approfondimenti: clicca qui

Pubblicato in Lettere Informative

 

In data odierna è stata resa nota la Deliberazione del Commissario Straordinario n. 40/C dell’11/06/2020, con la quale è stata disposta la proroga al 16 settembre 2020 del termine di pagamento dell’acconto IMU per l’anno 2020, tranne che per gli immobili di categoria D, con codice tributo 3925, in quanto il gettito è di competenza dello Stato (risoluzione Mef n. 5/DF del 08.06.2020).

Pubblicato in Lettere Informative

 

A partire dal prossimo 15 giugno e fino al 13 agosto sarà possibile trasmettere all’Agenzia delle Entrate istanza per riconoscimento contributo a fondo perduto ai sensi dell’art. 25 del Decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020 (c.d. Decreto Rilancio).

L’importo del contributo è commisurato alla perdita del fatturato e dei corrispettivi subita a causa dell’emergenza da Coronavirus nel mese di aprile 2020 in raffronto con aprile 2019.

Le percentuali di aiuto previste variano in base agli scaglioni di fatturato e sono le seguenti:

  1. 20%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori o pari a 400.000 euro;

  2. 15%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano i 400.000 euro ma non l’importo di 1.000.000 di euro;

  3. 10%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano € 1.000.000 ma non l’importo di 5.000.000 euro.

Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a € 1.000 per le persone fisiche e a € 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche e, per i soggetti che hanno iniziato l’attività da maggio 2019, spetta l’importo minimo del contributo.

Il contributo a fondo perduto è considerato ricavo non imponibile ai fini delle imposte dirette sul reddito.

Modalità di presentazione della domanda

solo telematicamente

Soggetti beneficiari

titolari di partita Iva che esercitano attività d’impresa o di lavoro autonomo o che sono titolari di reddito agrario che rispettino i seguenti requisiti:

  • conseguimento, nell’anno 2019, di un ammontare di ricavi o compensi non superiore a 5 milioni di euro;

  • ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019 oppure aver iniziato l’attività a dal 1° gennaio 2019 oppure avere domicilio fiscale o sede operativa situati nel territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi (sisma, alluvione, crollo strutturale), i cui stati di emergenza erano in atto alla data del 31 gennaio 2020 (data della dichiarazione dello stato di emergenza da Coronavirus).

Soggetti esclusi

  • soggetti la cui attività sia cessata alla data di richiesta del contributo;

  • soggetti che hanno iniziato l’attività dopo il 30 aprile 2020, con l’eccezione delle partite Iva aperte dagli eredi per la prosecuzione dell’attività dei deceduti;

  • enti pubblici di cui all’art. 74 del Tuir;

  • intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del Tuir;

  • professionisti e lavoratori dipendenti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria (cosiddette casse previdenziali, es. avvocati, medici, notai, commercialisti, ingegneri ecc.ecc.)

  • soggetti che hanno diritto alla percezione del’indennità previste dall’articolo 27 (bonus professionisti iscritti alla gestione separata) del decreto Cura Italia;

  • soggetti che hanno diritto alla percezione del’indennità previste dall’articolo 38 (bonus lavoratori dello spettacolo) del decreto Cura Italia.

Modalità di erogazione

dall’Agenzia delle entrate mediante accredito sul conto corrente corrispondente all’Iban indicato nella domanda che deve essere intestato o cointestato al soggetto richiedente.

Scadenza termine di presentazione della domanda

13 agosto 2020

Pubblicato in Lettere Informative

In data odierna, dopo le anticipazioni dei giorni scorsi, la Regione Puglia ha pubblicato il nuovo bando Microcredito Covid-19.

Di seguito si riporta una sintesi delle caratteristiche della misura:

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare istanza di agevolazione le microimprese, sia in forma individuale che societaria, iscritti al Registro delle Imprese, che abbiano sede operativa in Puglia e che abbiano risentito dell’epidemia Covid-19.

REQUISITI

Aver emesso la prima fattura o aver percepito il primo corrispettivo entro il 31 dicembre 2019, o devono esser costituite dal 1° gennaio 2020 al 29 febbraio 2020.

Le imprese, nell’esercizio 2019, non devono aver generato ricavi/compensi/fatturato annuale superiori a 400.000,00 €.

Se l’esercizio 2019 si è concluso con una perdita, quest’ultima non deve essere stata superiore al 20% del fatturato.

Potranno presentare richiesta di agevolazione anche i soggetti che abbiano già ottenuto un finanziamento del Fondo Microcredito d’Impresa a valere sui precedenti Avvisi e le imprese che abbiano ottenuto le agevolazioni delle misure Nuove Iniziative d’Impresa e Tecnonidi, a condizione che abbiano concluso il programma di investimenti e spese agevolato (avendo inviato tutta la rendicontazione di spesa completa e conforme a quanto previsto negli Avvisi) e che al 31/12/2019 non abbiano più di 3 rate del finanziamento insolute.

SOGGETTI ESCLUSI

Le imprese operanti nei seguenti settori economici:

  1. pesca e acquacoltura;

  2. produzione primaria dei prodotti agricoli;

  3. trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;

  4. esportazione verso paesi terzi o Stati membri, o ad altre spese correnti connesse con l’attività di esportazione;

  1. carboniero;

  2. trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su

strada per conto terzi limitatamente agli aiuti destinati all’acquisto di veicoli;

  1. costruzione navale;

  2. siderurgia;

  3. fibre sintetiche.

  4. fornitura e produzione di energia, acqua e gestione di reti fognarie;

  5. attività riguardanti le lotterie, le scommesse e le case da gioco;

  6. attività di organizzazioni associative.

OPERAZIONI FINANZIABILI

Sono finanziabili le spese derivanti dalla gestione corrente dell’attività̀ d’impresa purché pagate in data successiva alla partecipazione al Bando ed entro 12 mesi dall’erogazione del Microprestito.

AGEVOLAZIONE

L’agevolazione viene concessa sotto forma di finanziamento a tasso zero rimborsabile in massimo 60 mesi con un periodo di preammortamento della durata di 12 mesi.

L’importo dell’agevolazione non potrà essere superiore ad € 30.000 ed è parametrato al fatturato 2019 nelle seguenti modalità:

  • fatturato compreso tra € 120.000,00 ed € 400.000,00, importo agevolazione € 30.000,00;

  • fatturato compreso tra € 40.000,00 ed € 120.000,00, agevolazione pari al 25% del fatturato 2019;

  • fatturato compreso tra € 20.000,00 ed € 40.000,00, importo agevolazione € 10.000,00;

  • fatturato compreso tra € 0,00 ed € 20.000,00, importo agevolazione € 5.000.

Ai beneficiari che saranno in regola con la restituzione delle rate del piano di ammortamento prima della scadenza della 49a rata e che avranno adempiuto alla corretta dimostrazione di spesa sarà riconosciuta una premialità pari all’importo delle ultime 12 rate del finanziamento (contributo fondo perduto 20%).

Pubblicato in Lettere Informative

Lo Studio Montanaro opera su tutto il territorio nazionale nel settore della consulenza Tributaria, Societaria, Aziendale, Contabile e del Lavoro.

Forniamo servizi professionali qualificati alla piccole/medie aziende, ai grandi gruppi societari ed alle persone fisiche.

Area Privata Clienti

Contatti

Studio Montanaro
Via de Cuneo, 31
76125 Trani (BT)
0883 491900
0883 491001
0883 491900
0883 491001
lun, mer, gio: 9:00/12:30 16:00/19:30
mar, ven: 9:00/12:30
P.IVA 03113370724